Pandoro o panettone? Ecco cosa fa ingrassare di più, incredibile

Pandoro o panettone? Ecco cosa fa ingrassare di più, incredibile

Con l’avvicinarsi delle festività natalizie, l’atmosfera si riempie di profumo di dolci tradizionali, tra cui spiccano il pandoro e il panettone. Entrambi sono dei veri e propri peccati di gola che non possono mancare sulle tavole delle famiglie italiane durante il periodo natalizio. Ma quale di questi due dolci fa ingrassare di più?

Il pandoro è un dolce tipico della tradizione veronese, dalla forma a stella a otto punte e dalla consistenza soffice e burrosa. Viene spolverato di zucchero a velo e può essere farcito con creme al mascarpone o al cioccolato. Il panettone, invece, è una specialità milanese con un impasto lievitato che contiene uvetta e canditi, e si presenta con una forma cilindrica alta con una cupola sulla sommità.

Entrambi i dolci sono ricchi di zuccheri e grassi, ma quali sono le differenze dal punto di vista calorico? Sorprendentemente, il pandoro è il vincitore indiscusso quando si tratta di apportare calorie. Infatti, 100 grammi di pandoro contengono mediamente 400 calorie, mentre lo stesso quantitativo di panettone ne contiene circa 330. Questo è dovuto alla quantità maggiore di burro e zucchero presente nel pandoro rispetto al panettone.

Proprio per questo motivo, è importante consumare questi dolci con moderazione e fare attenzione alla quantità di calorie introdotte durante le festività. Inoltre, è importante cercare di bilanciare i pasti durante le festività, evitando di esagerare con i dolci e privilegiando alimenti più leggeri durante il resto della giornata.

È possibile trovare alternative più leggere ai tradizionali pandoro e panettone, come ad esempio versioni integrali o senza zuccheri aggiunti. In questo modo è possibile godere del piacere di gustare un dolce natalizio senza esagerare con le calorie.

In conclusione, tra pandoro o panettone, è il pandoro il dolce che fa ingrassare di più, quindi è importante consumarlo con moderazione. Ma non dimentichiamoci che le festività sono anche un momento di condivisione e di piacere, quindi godiamoci questi dolci tradizionali con consapevolezza e senza sensi di colpa.

Lascia un commento